Le critiche fanno crescere!

Ti sarà capitato di incontrare delle persone che ti hanno provocato e che ti hanno criticato! le provocazioni le critiche fanno male, proprio perché chi le fa, va a colpire delle corde che a noi sono ancora scoperte, dei punti su cui dobbiamo ancora lavorare. In base alla mia esperienza, ti garantisco che di insulti ,di critiche ,di giudizi ne ho ricevuti davvero tanti in questi anni. All’inizio mi facevano tanto male e non è facile andare avanti quando ti dicono che sei una nullità che non ce la farai mai , che devi trovarti un lavoro o che ti stai approfittando delle persone, insomma quando ti insultano e ti giudicano e ti provocano non è facile ,però quando un sogno è grande sei disposto a tutto. Quindi ho cercato , trovato il mio quadro della situazione e ho utilizzato, sfruttato a mio vantaggio le critiche degli altri per fare la cosa più importante, aiutare gli altri. Nella nostra vita veniamo messi ogni giorno davanti a delle scelte , una di quelle è abbattersi e l’altra è lavorare su noi stessi per crescere interiormente. <

br> Infatti voglio darti dei consigli a proposito!
1° Impariamo dalle provocazioni e dalle critiche degli altri a conoscere noi stessi. Se ti conosci e ti accetti profondamente anche nei tuoi punti di debolezza , nessuno potrà ferirti ,perché nessuno può ferire chi ha imparato davvero ad accettare se stesso.
Quando avrai imparato ad apprezzare le tue debolezze che ti caratterizzano maggiormente , nessuno giudicando quelle ,parti potrà più ferire anzi starà valorizzando il lavoro che hai fatto su di te, ti starà dando la possibilità di valutare se il tuo percorso di crescita sta andando verso la giusta direzione, e da come ne uscirai , capirai se continuare a crescere e migliorare o se hai raggiunto la consapevolezza del tuo valore.
2° consiglio
Rispondere alle critiche, con un complimento.
È un punto su cui ho dovuto lavorare tanto,perché quando ci si sente attaccati di solito si scappa via , perché quando ti provocano, il tuo corpo inizia a produrre cortisolo per proteggersi che tenderà proprio a farti contrattaccare e rispondere a tono oppure a scappare .
Ecco in quel momento devi fare un bel respiro e contare fino a 100 , restare immobile e valutare le strategie di comunicazione da attuare, ad esempio dal giudizio( dato certo )che ci viene attribuito , rispondere con delle opzioni di scelta arbitraria.
4° consiglio.
Si risponde, alle critiche
con una bella domanda , perché la maggior parte delle accuse ,delle critiche ,delle provocazioni sono mosse dalla rabbia o dalla frustrazione dovuti all’ insicurezza del nostro interlocutore. Diciamo che sono più una scusa per sfogarsi. Quindi se chiederai un approfondimento ,le persone non sapranno cosa rispondere per giustificarsi. Potresti chiedere , ma che cosa ti spinge a dirmi questo oppure?Oppure ora che mi hai detto questa cosa come ti senti? Oppure, che cosa ti fa credere esattamente ciò che mi ha appena detto?
5°consiglio
Osserva con compassione chi ti accusa, chi ti provoca e chi ti giudica.
Facci caso, sta combattendo una battaglia con se stesso! E la cosa buffa è che nemmeno quella persona spesso ne è consapevole. Proprio per questo che tenderà ad attivare degli schemi che la porteranno a giudicare per sentirsi diversa o superiore perché ricorda chi tende a sminuirti è chi si sente piccolo davanti a te!
So di essere stato chiaro, quindi leggi e comprendi bene queste parole, tu vali tanto e nessuno, ripeto nessuno può permettersi di buttarti giù.