Il Dominio di sé per essere felici!

Più una persona è identificata con i suoi pensieri e più
soffre.

Solitamente viviamo le nostre sofferenze totalmente
identificati con esse. Non riusciamo a prenderne le distanze.
Iniziando ad osservare la tua mente inizi a prendere
distacco dai suoi contenuti. Con la pratica dell’osservazione
inizi a capire che non sei i tuoi pensieri e gli dai sempre
meno retta.

Per esempio un essere umano se fa la doccia dovrebbe
essere totalmente concentrato solo su questa attività e sulle
sue sensazioni interne. Invece il 99% della popolazione
mondiale quando fa la doccia inizia a pensare a ciò che gli è <

br> successo o alle preoccupazioni riguardo al futuro. I bambini
vivono con gioia perché sono sempre nel presente, gli adulti
invece hanno imparato ad essere infelici e spostano la loro
attenzione o su pensieri riguardo al passato o riguardo al
futuro. Il passato non esiste, il futuro non esiste e tutte le
persone restano con la loro mente intrappolate in una
illusione. Visto che lo fanno tutti si pensa che è normale ma
è una malattia. L’umanità è identificata con i pensieri che
emana un organo del corpo, la mente. Puoi osservare il
colore di un auto solo se ne sei separato, nello stesso modo
puoi prendere le distanze dalla sofferenza solo se ne “sei
separato” e questo lo puoi fare imparando ad essere sempre
Presente. Essere Presenti è la chiave. Tutto il lavoro pratico
su se stessi inizia e finisce con la pratica della nostra
presenza interiore. Questo viene chiamato anche il Ricordo
di Sé o vivere nel Qui ed Ora. Essere Presenti significa che tutta la nostra attenzione è
rivolta sia verso noi stessi che a ciò che stiamo facendo. La
mente umana è continuamente proiettata ai pensieri sul
passato o sul futuro ma mai si concentra su ciò che accade
nel momento presente. Questa attività della mente che
proietta pensieri in continuazioni rivolti al futuro oppure al
passato è una vera e propria trappola.
Bisogna mettere a tacere la mente ed entrare in uno stato di
Presenza costante. La pratica della Presenza o del Ricordo
di Sé ha origini antichissime ed è il fenomeno più importante
dell’Esoterismo. Con impegno possiamo creare un
“testimone” una parte di noi che non è più invischiata in ciò
che fa il nostro corpo e che diventa estranea alla sofferenza.
Questo è il nostro obiettivo, creare un “testimone” attraverso
la Presenza, il “testimone” non giudica, osserva e basta.
Essere Presenti è il segreto per uscire dalla sofferenza ed
accedere a stati emotivi di Gioia costante.
Non è ciò che ci succede che ci fa stare male, ma il nostro
giudizio su ciò che è successo. Prendendo le distanze dalla
mente che emana giudizi si esce dalla sofferenza.