È utile sapere come acquisire le conoscenze


Decidete innanzitutto che tipo di nozioni specifiche vi servono e l’obiettivo per
cui le adopererete. In senso lato, sono lo scopo della vita o i traguardi intermedi
a determinare le cognizioni di cui necessitiamo.
Ciò stabilito, avete bisogno di sapere quali sono le fonti di informazioni più
affidabili. Fra le più importanti, si annoverano:

  1. la propria esperienza e istruzione;
  2. l’esperienza e l’istruzione dei collaboratori (alleanza di cervelli);
  3. scuole e università;
  4. biblioteche pubbliche (nei libri e nelle riviste specializzate sono
    disponibili le concezioni organizzate dalla civiltà);
  5. corsi di addestramento e di specializzazione (in particolare, corsi serali e
    per corrispondenza).
    Una volta acquisite le conoscenze, bisogna organizzarle e metterle a frutto
    per un obiettivo preciso mediante piani, progetti e programmazioni. Il sapere non
    vale nulla se non viene applicato in pratica per uno scopo determinato.
    Nel caso contempliate l’idea di iscrivervi a corsi scolastici supplementari,
    stabilite per prima cosa il motivo per cui volete acculturarvi maggiormente, poi
    informatevi presso fonti attendibili dove possiate ricevere tale completamento
    educativo.
    Gli uomini di successo, in qualsiasi campo professionale, non rinunciano mai
    all’istruzione perpetua, specie in relazione al loro settore, ai loro affari o
    all’obiettivo che si sono posti. I perdenti sono di solito quelli che commettono
    l’errore di credere che il periodo di acquisizione delle conoscenze finisca con
    l’ultimo anno di frequenza scolastica. In realtà, l’educazione scolastica si limita a
    darci le prime nozioni e a immetterci sulla strada per l’apprendimento delle
    conoscenze pratiche.
    Il tema del giorno è la specializzazione!